La UILPA Polizia Penitenziaria Abruzzo denuncia il grave quanto preoccupante disguido emerso in alcuni istituti abruzzesi, che avrebbe portato a continuare nella distribuzione di lotti di mascherine ritenuti “pericolosi” e sottoposti a sequestro nella recente indagine della procura di Gorizia che ha portato al sequestro di 60 milioni di mascherine lo scorso mese di marzo – notizia ed elenchi diffusi dalle principali testate giornalistiche nazionali --

 

Purtroppo abbiamo potuto verificare direttamente che in alcuni istituti sono tutt’ora in distribuzione alcuni lotti presenti in quegli elenchi, è chiaro che non è imputabile all’Amministrazione Penitenziaria alcuna svista in fase di approvvigionamento, ma una volta che ne è stato disposto il sequestro e diffuso l’elenco dei lotti e dei marchi ritenuti “pericolosi” o comunque difettosi, quindi inidonee al loro scopo, ne andava immediatamente impedito l’utilizzo.

 

 

leggi la nota del Segretario Regionale