logo banner top

La UILPA POLIZIA PENITENZIARIA, , visto l’ordine di servizio emanato nella Casa Circondariale di Lanciano, che limita il diritto dei lavoratori ad avere una vita privata
contesta l’illegittimità dello stesso, in quanto in palese contrasto con accordi e normative di
riferimento, quali l’Accordo Nazionale Quadro, il Protocollo d’intesa Regionale ed il DPR n° 82 del
15/02/1999.


non è accettabile che il servizio programmato sia ricondotto ad un mero esercizio enigmistico per gli addetti all'ufficio servizi senza che abbia alcun valore per i poliziotti in servizio

 


i lavoratori hanno diritti oltre che doveri e non si può pretendere di annientare la vita privata dei poliziotti penitenziri a nome di un'inefficenza organizzata

 

leggi la nota del Segretario Generale Regionale e la "particolare" risposta della direzione, che a quanto pare emana ordini di servizio mirati...

 

la UILPA PP Abruzzo ha quindi chiesto l'intervento del Provveditore e della Segreteria Nazionale

segui gli aggiornamenti al 15 Aprile...