A seguito degli ultimi episodi di aggressione nella Casa Circondariale di Lanciano chiediamo al Capo del dipartimento ed

al Provveditore Regionale Abruzzo, Lazio e Molise di voler fare la necessaria chiarezza nella delicata questione legata

alle aggressioni al personale, infatti, a nostro avviso, l’applicazione delle disposizioni del capo del DAP di ottobre 2018 circa

il trasferimento dei detenuti che si rendono colpevoli di aggressioni fisiche e/o minacce di morte al personale,

almeno nell’ultimo caso di aggressione registrato, ben avrebbe potuto evitare l’accaduto.

 

IL Segretario Generale Regionale scrive al Capo del Dipartimento, leggi la nota